<< Non è necessario fare cose speciali per gli altri ... chi ha intenzione di conoscere la verità saprà come cercarla e se possiede kokoro la troverà!>>  [Dott. Shingo Hayashi]

<< It's not necessary to do special things for others ... whoever intends to know the truth will know how to look for it and if he has kokoro he will find it! >>  [Dr. Shingo Hayashi]
Fukushu-en Okinawa

KOJO-RYU KARATE

il famoso stile fantasma di Okinawa


Il Kojoryu è il sistema di karate codificato probabilmente più antico esistente, ed è risaputo che esso abbia influenzato molti altri sistemi tradizionali di karate di Okinawa. Con radici che rislagono a ben 300 anni addietro nel chuan-fa cinese (vecchio Shinzanryu), a detta dei maestri attualmente attivi, esso è stato tramandato in segreto, all'interno dei soli membri della famiglia Kojo di Okinawa, fino agli anni '70 (diventando appunto Kojoryu).
Benché si tratti di un antico stile di karate, esso è stato sempre considerato, dalle poche persone che lo hanno studiato realmente, un sistema di bujutsu a se stante, con caratteristiche uniche e complesse.
Il Kojoryu è un metodo estremamente combattivo che include tecniche a mano vuota e tecniche con armi; esso è ricco di atemi-waza, shime-waza e nage-waza che provengono da esperienze maturate nel tempo di svariati sistemi come Xingyi-quan, Luohan-quan, Hakutsuru-ken, Uchina-di e anche Jujutsu giapponese.
Se considerato come forma di bujutsu, incorpora molti kata provenienti da vari metodi del chuan-fa cinese e dai metodi okinawensi di Shurite, Nahate e Kuninda-di, ossia il metodo originario del villaggio di Kume dove gli antenati della famiglia Kojo risiedevano. Se considerato come stile di karate propriamente detto, esso consta di 6 kata di famiglia unici, ossia non presenti in altro stile di karate, che sono Tenkan, Kukan, Chikan, Hakko, Hakuryu e Hakkaku. I primi tre kata includono i tipici 12 kamaete dello zodiaco cinese, che hanno particolari applicazioni tecniche per il combattimento.

KOJO-RYU KARATE

the famous ghost style of Okinawa


Kojoryu is probably the oldest codified karate system in existence, and it is known to have influenced many other traditional Okinawan karate systems. With roots that date back 300 years ago in the Chinese chuan-fa (old Shinzanryu), according to the masters currently active, it was handed down in secret, only within the members of the Kojo family of Okinawa, until the 70s. (becoming Kojoryu).

Although it is an ancient style of karate, it has always been considered, by the few people who have actually studied it, a system of bujutsu in its own right, with unique and complex characteristics. 

It's a system extremely combative that includes hollow hand techniques and weapon techniques; it is rich in atemi-waza, shime-waza and nage-waza which come from the experience matured over time of various systems such as Xingyi-quan, Luohan-quan, Hakutsuru-ken, Uchina-di and even Japanese Jujutsu. 

Is considered as method of bujutsu, it incorporates many kata from various methods of Chinese chuan-fa and the Okinawan methods of Shurite, Nahate and Kuninda-di, which is the original method of the village of Kume where the ancestors of the Kojo family resided. If considered as a style of karate proper, it consists of 6 unique family kata, i.e. not present in any other style of karate, which are Tenkan, Kukan, Chikan, Hakko, Hakuryu and Hakkaku. The first three kata include the typical 12 kamaete of the Chinese zodiac, which have particular technical applications for combat.


PILLOLE STORICHE  -  HISTORICAL PILLS


 PATRIARCHI

CAI ZAOGONG (anche CAI ZONGHUI, ad Okinawa chiamato Kojo Uekata - 1656/1737 anche 1665/1747)
Bingfa, Caijia-quan, Poesia, Calligrafia

KOJO PECHIN SHINPO (nome cinese e data di nascita non pervenuti, probabile data di morte 1826)
Bingfa, Caijia-quan, Calligrafia

 GENERAZIONI SUCCESSIVE

KOJO SHINUNJO (anche CAI SHICHANG, chiamato Nmari Bushi - 1780/1860)
Bingfa, Caijia-quan, Sakugawa Tode

KOJO SHOI (anche CAI CHANGWEI - 1816/1906)
Caijia-quan, Fujian quanfa, Bojutsu

KOJO ISEI e KOJO TATEI (1832/1891 - 1837/1917)
Caijia-quan, Fujian quanfa, Uchinadi
Inizio dell'utilizzo del nome Shinzanryu Kobujutsu

KOJO KAHO (1849/1925)
Shinzanryu, Fujian quanfa, Uchinadi

KOJO SAIKYO e KOJO SHUREN (1873/1941 - 1883/1945)
Shinzanryu, Okinawa Sumo, Ryukyu Kobudo, Nahate

Kojo Kafu e suo figlio Shigeru

KOJO KAFU (anche Yoshitomi Kojo 1910/1996)

è stato il primo caposcuola ad utilizzare il nome Kojoryu.
Ha appreso il sistema di famiglia dal nonno, dal padre e dallo zio. Successivamente si è addestrato anche in altri metodi come Sekiguchiryu jujutsu, Jukendo e Shorinryu karate di cui divenne esperto, ricevendo istruzioni da Chomo Hanashiro e dal suo amico Choshin Chibana. Intorno agli anni '60 egli decise di iniziare ad insegnare pubblicamente, per la prima volta, aprendo un dojo a Naha insieme al figlio SHIGERU (1934/1993); così cambiò il nome del metodo di famiglia da Shinzanryu kobujutsu in Shinzanryu • Shorinryu karate, ma nel '67 cambiò nuovamente chiamandolo definitivamente Kojoryu. Ebbe circa una decina di studenti esterni alla famiglia, tra cui sono noti Shingo Hayashi e Seiji Irimaji (quest'ultimo insegnante di Takaya Yabiku).

HAYASHI SHINGO (1934) è l'erede morale di Kafu Kojo, in quanto a ultimo e più fidato studente. Egli iniziò ad apprendere il Kojoryu nel 1963 a Okinawa dove lavorava come dentista, negli anni studiò altresì judo e kendo. Hayashi Sensei vive in Giappone (mainland) e proseguì lo studio del Kojoryu invitando spesso Kafu Kojo, che nel frattempo lo autorizzò ad aprire lì uno Shibu dojo in rappresentanza della propria scuola. Hayashi Sensei viene chiamato "kakuri bushi" dalla comunità marziale, ossia "guerriero nascosto", grazie al suo carattere mite, sincero e assolutamente fedele agli insegnamenti del suo maestro, praticando il karate non per business, tant'è che dopo la dipartita di Kafu Kojo, decise di non insegnare più pubblicamente e adesso lo fa solo ai suoi tre uchi-deshi e sporadicamente ai pochi visitatori che gli chiedono di potergli fare visita, senza mai unirsi ad alcuna organizzazione.

YABIKU TAKAYA (1944) è stato unico uchi-deshi di Seiji Irimaji, dopo aver iniziato la pratica del Hakutsuru-ken nel 1965 sotto i Kojo per circa un anno e mezzo, grazie a Shigeru e Tatsumi Kojo (altro figlio di Kafu) che lavorava nella stessa stazione di taxi di Yabiku. Successivamente passò sotto l'addestramento di Irimaji, andando avanti per ventiquattro anni fino a quando lo stesso Irimaji lo promosse a 10° dan e successore della propria scuola, chiamata Shinzanryu Koshinkan. Yabiku aveva già precedentemente ottenuto la certificazione di 7° dan Kyoshi durante un esame sotto la supervisione dello stesso Kafu Kojo. Yabiku Sensei è famoso per aver studiato anche altri stili di karate e in particolare per essere stato studente di Hohan Soken del Matsumura Seito Shorinryu; egli ha licenze d'insegnamento anche in Pangainoon/Konanryu, Chibana-ha Shorinryu e per essere un esperto del metodo della Gru Bianca che ha approfondito anche a Taiwan.

KOJO KAFU (also Yoshitomi Kojo 1910/1996) 

was the first school leader to use the name Kojoryu. He learned the family system from his grandfather, father and uncle. Later he also trained in other methods such as Sekiguchiryu jujutsu, Jukendo and Shorinryu karate of which he became an expert, receiving instructions from Chomo Hanashiro and his friend Choshin Chibana. In the 1960s he decided to start teaching publicly, for the first time, by opening a dojo in Naha with his son SHIGERU (1934/1993); so he changed the name of the family method from Shinzanryu kobujutsu to Shinzanryu • Shorinryu karate, but in '67 he changed it back to definitely Kojoryu. He had about a dozen students outside the family, including Shingo Hayashi and Seiji Irimaji (the latter teacher of Takaya Yabiku) .

HAYASHI SHINGO (1934) is the moral heir of Kafu Kojo, as the last and most trusted student. He began learning Kojoryu in 1963 in Okinawa where he worked as a dentist, over the years he also studied judo and kendo. Hayashi Sensei lives in Japan (mainland) and continued the study of Kojoryu by often inviting Kafu Kojo, who in the meantime authorized him to open a Shibu dojo there to represent his school. Hayashi Sensei is called "kakuri bushi" by the martial community, or "hidden warrior", thanks to his mild, sincere and absolutely faithful to the teachings of his master, practicing karate not for business, so much so that after Kafu's departure Kojo, decided not to teach publicly anymore and now he does so only to his three uchi-deshi and sporadically to the few visitors who ask him to visit him, without ever joining any organization. 

YABIKU TAKAYA (1944) was unique uchi-deshi by Seiji Irimaji, after starting the practice of Hakutsuru-ken in 1965 under the Kojo for about a year and a half, thanks to Shigeru and Tatsumi Kojo (another son of Kafu) who worked in the same taxi rank as Yabiku. Later he passed under the training of Irimaji, continuing for twenty-four years until Irimaji himself promoted him to 10th dan and successor of his own school, called Shinzanryu Koshinkan. Yabiku had previously obtained 7th dan Kyoshi certification during an exam supervised by Kafu Kojo himself. Yabiku Sensei is famous for having also studied other styles of karate and in particular for having been a student of Hohan Soken of Matsumura Seito Shorinryu; he also has teaching licenses in Pangainoon / Konanryu, Chibana-ha Shorinryu and to be an expert in the White Crane method which he has also studied in Taiwan.

NOTE

- Si rende noto che Angelo Bonanno è stato unico studente italiano di Takaya Yabiku Sensei (fino a data odierna), ed è attualmente unico studente italiano di Shingo Hayashi Sensei

- Il Taigishinkan non ha alcun legame con le associazioni americana e australiana che sostengono di praticare l'autentico Kojoryu Koshinkan (leggi sotto), né con i loro Shibu-cho

- Il Taigishinkan non ha alcun legame con l'associazione filippina che sostiene di praticare l'autentico Shinzanryu Koshinkan (o Matsusokan)

- Si rende noto che alcune scuole sostengono di praticare il Kojoryu come trasmesso da Takaya Yabiku in maniera autentica, e che i loro insegnanti sono in possesso di licenze d'insegnamento rilasciate dallo stesso Sensei. Come verificabile dai fatti storici e da dettagli tecnici, tutti confermati al Prof. Bonanno da Yabiku Sensei durante i suoi viaggi ad Okinawa e in corrispondenza in possesso dello stesso Prof. Bonanno, nonché come riportato sul suo manuale tecnico pubblicato nel 2020 (Shinzanryu Karate - Introduzione al più antico karate di Ryukyu, Ed. Youcanprint), queste scuole e relativi insegnanti praticano Koshinryu e non Kojoryu.
Il Koshinryu, infatti, è la linea di karate fondata da Seiji Irimaji quando decise di staccarsi dalla scuola del suo insegnante Kafu Kojo per aprire la propria scuola chiamata Koshinryu Koshinkan, e modificò i kata originali ampliando il syllabus con forme inventate da lui stesso. E' risaputo che Kafu Kojo non vedeva di buon occhio questa decisione di Irimaji Sensei.
Irimaji Sensei dopo aver già lasciato in mano il suo Koshinkan a Yabiku Sensei, a causa di motivi di lavoro prima e di salute poi, decise solo nel 2013 di abbandonare la trasmissione del Koshinryu spronando Yabiku a trasmettere l'autentico Kojoryu solo a persone fidate, chiamandolo però Shinzanryu (ossia col nome antico). Per cui tali il Koshinryu non è l'autentico Kojoryu, i suoi kata non sono quelli originali del metodo di famiglia, e chiunque sostenga di praticare lo stile originario di famiglia Kojo può essere ritenuto un millantatore.

- It's reported that Angelo Bonanno was the only Italian student of Takaya Yabiku Sensei (until now), and he's currently the only Italian student of Shingo Hayashi Sensei 

- The Taigishinkan has no connection with the American and Australian associations that claim to practice the authentic Kojoryu Koshinkan (see below), nor with their Shibu-cho

- The Taigishinkan has no connection with the Filipino association that claims to practice the authentic Shinzanryu Koshinkan (or Matsusokan) 

- It is reported that some schools claim to practice Kojoryu as transmitted by Takaya Yabiku in an authentic way, and that their teachers are in possession of teaching licenses issued by Sensei himself. As verifiable by historical facts and technical details, all confirmed to Prof. Bonanno by Yabiku Sensei during his travels to Okinawa and in correspondence in the possession of Prof. Bonanno himself, as well as as reported in his technical manual published in 2020 (Shinzanryu Karate - Introduction to the oldest Ryukyu karate, Ed. Youcanprint), these schools and their teachers practice Koshinryu and not Kojoryu.

Koshinryu, in fact, is the karate line founded by Seiji Irimaji when he decided to break away from the school of his teacher Kafu Kojo to open his own school called Koshinryu Koshinkan, and he modified the original kata by expanding the syllabus with forms invented by himself. It is well known that Kafu Kojo did not look favorably upon this decision of Irimaji Sensei. 

Irimaji Sensei after having already left his Koshinkan in Yabiku Sensei's hands, first due to work reasons and then health, decided only in 2013 to abandon the transmission of Koshinryu urging Yabiku to transmit the authentic Kojoryu only to trusted people, calling him however Shinzanryu (ie with the ancient name). Therefore, Koshinryu is not the authentic Kojoryu, its kata are not the original ones of the family method, and anyone who claims to practice the original Kojo family style can be considered a braggart.

Hayashi Sensei and the Kojoryu clan